BASE PROGETTI PER L'ARTE

KEN LUM

Necrology 
10 Giugno / 10 Settembre 2016
Inaugurazione venerdì 10 Giugno / ore 18:30

Base / Progetti per l’arte presenta il progetto inedito di Ken Lum dal titolo “Necrology”. Le opere pensate per lo spazio di BASE, sono come necrologi di vite vissute, ma composti e progettati nella modalità dei frontespizi del XVIII e  del XIX secolo. Questo nuovo ciclo di opere nasce dalla scoperta casuale, da parte dell’artista, della prima pagina del giornale Philadelphia Inquirer, stampata in occasione dell’assassinio del presidente Abraham Lincoln. Il layout di pagina, il design delle diverse font e l’allineamento del testo, hanno suscitato l’interesse dell’artista insieme al fatto che la vita di Lincoln fosse stata riassunta in brevi sottotitoli, tutti disposti in una sola colonna, dalla cima al fondo della pagina. Con questa disposizione essi appaiono come un sommario di capitoli, che sintetizzano la vita del presidente. L’uso irregolare e curioso dell’impaginazione, i cambi di spaziatura, l’altezza dell’interlinea variabile e l’uso alterato dei caratteri, sono elementi che possono apparire strani per gli standard odierni, ma che allo stesso tempo conferiscono al layout una freschezza in quanto ogni lettera, parola e linea assumono un’organicità autonoma rispetto al testo. Un approccio simile alla composizione del testo tipografico può essere ritrovato oggi nelle brochure teatrali e nei frontespizi per i romanzi. La scomparsa di tali modalità, secondo l’artista, rappresenta una perdita letteraria e, allo stesso tempo, una perdita del potenziale immaginativo che era associato ad esse. Questo ciclo di opere conferma l’interesse di Lum per la creazione di un immaginario soggettivo, progetto che persegue da molto tempo, attraverso diverse strategie concettuali.

(altro…)

Ken Lum (Vancouver, Canada) ha esposto in importanti mostre internazionali tra cui ricordiamo: Biennale di San Paolo (1998), Biennale di Shanghai (2000), Documenta 11 (2002), Biennale di Liverpool (2006), Biennale di Istanbul (2007), Biennale di Gwangju (2008), Biennale di Mosca (2011) e il Whitney Biennial (2014). Ha realizzato opere permanenti a Vienna, St. Moritz, Edmonton, Vancouver, St Louis, Leiden, Rotterdam, Toronto, e Utrecht. Risiede attualmente a Philadelphia, Pennsylvania, dove è professore presso la Scuola di Design, University of Pennsylvania. Ha inoltre insegnato presso l’Università della British Columbia, Vancouver; alla facoltà di Bard College, Annandale-on-Hudson; l’Ecole Nationale Supérieure des Beaux-Arts di Parigi; l’Akademie der Bildenden Kunst, Monaco di Baviera; California College of the Arts, San Francisco; l’Ecole National d’Arts Plastiques, Fort de France, Martinica; Rijksakademie, Amsterdam; il Maine College of Art, Portland, Maine; e la China Art Academy, Hangzhou. Lum è co-fondatore e redattore di Yishu, una rivista di Arte Contemporanea Cinese. Nel 2008, Lum ha realizzato il progetto di un libro d’artista con il filosofo Hubert Damisch che è stato pubblicato da tre Star Press di Parigi e nel 2001 è stato consulente di progetto per The Short Century: Movimenti di Indipendenza e Liberazione in Africa 1945-1994. E ‘stato co-curatore della 7° Biennale di Sharjah (2005), e Shanghai Modern: 1919-1945 (2005).