BASE PROGETTI PER L'ARTE

LILIANA MORO

IL DELITTO È UN OPERA D’ARTE

Inaugurazione: mercoledì 29 novembre, ore 18
29 novembre / 30 dicembre 2000

Il progetto di Liliana Moro prevede l’installazione di una scultura in cartone ottenuta dai kit di montaggio delle casette per bambini. Dall’interno di essa (non è possibile accedervi) scaturisce un sonoro che, con l’aiuto dell’immaginazione dello spettatore, tende a ricostruire una scena “gialla”: qualcosa sta per accadere… La seconda stanza di Base sarà interamente colorata di rosso, un colore spesso usato dall’artista che rimanda ad una sorta di sospensione drammatica (un rosso né troppo “allegro”, né troppo cupo: rosso). Durante l’orario di chiusura dello spazio la mostra sarà visibile come vetrina e il sonoro udibile dall’esterno.
“…un delitto è solitamente il prodotto di due storie ben distinte: da una parte quella del crimine e del criminale che lo commette, dall’altra quella del detective che cerca la verità. Il tratto d’unione fra queste storie è di solito costituito da uno o più cadaveri o da qualcuno che rischia di diventarlo, o da un oggetto che è stato rubato o sta per essere rubato.In questo senso, al di là di movente, modalità, indizi, inganni e effetti speciali, l’essenza del delitto è un confronto materiale e intellettuale fra investigatore e criminale…”
(da: “Atlante del crimine” , Edizioni Demetra)
(altro…)

Liliana Moro, nata a Milano nel 1961, vive e lavora a Milano. Attiva dalla fine degli anni ‘80 (è tra i fondatori dello spazio di Via Lazzaro Palazzi a Milano) ha partecipato a numerose rassegne internazionali tra le quali ricordiamo: Una Scena Emergente, Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato; Documenta IX, Kassel (1992); Aperto 93, XLV Biennale di Venezia (1993); Castello di Rivoli,Torino (1994); Moderna Museet, Stoccolma (1998); PS1, New York (1999). Tra le mostre personali ricordiamo: Spazio di via Lazzaro Palazzi, Milano (1992); Galleria Locus Solus, Genova (1992); Galleria Emi Fontana Milano; ARC Paris (1993); MUHKA Antwerpen, Galerie M. Rein Paris (1996); Galerie Meert Rihoux Bruxelles (1998); La Ferme du Buisson, Noisiel Paris (1999).